News

Sarzana, il Basilico Genovese e le sue meraviglie

Forse non tutti sanno che nella zona della piana di Sarzana sono presenti diverse aziende produttrici di Basilico Genovese DOP. La zona infatti oltre ad essere particolarmente vocata per la posizione, piuttosto vicina al mare. È anche una piana molto ampia e spaziosa, come in Liguria ce ne sono poche, particolarmente adatta alla produzione di Basilico Genovese DOP in piena area, cioè coltivato all’aperto e solo in stagione: l’estate. Questa tipologia di basilico è per lo più utilizzata per la trasformazione

Le bellezze naturali

Oltre che di Basilico Genovese DOP, la zona è ricca di storia e di natura. Le cose da fare e i luoghi da visitare non mancano affatto, a partire dalle bellezze naturali. La zona infatti è molto interessante dal punto di vista ornitologico, tant’è che esistono vere e proprie postazioni per l’osservazione degli uccelli. Pur essendo territorio ligure, ha caratteristiche che si distaccano dalla generale asprezza normalmente riscontrabile in Liguria, avvicinandosi forse di più a certi ambienti della Toscana.

Si tratta di una vasta area agricola, nella piana di Marinella di Sarzana, che ha particolarità tali da renderla molto attraente per gli uccelli. Oltre alle zone coltivate che sono, di per sé, utili a molte specie, sono presenti, infatti, alcune piccolissime aree allagate e poco profonde, le quali costituiscono importanti zone di sosta ed una fonte di cibo sia per uccelli quali aironi e simili. Anche gli uccelli d’acqua hanno a disposizione una piccolo rifugio, costituito da un laghetto d’acqua dolce. 

Le bellezze storico-artistiche

Come già accennato questa zona è anche molto ricca di storia e monumenti. Non si può infatti raccontare di Sarzana senza parlare di Luni, città che dal 177 a. C. (anno della fondazione come colonia romana) risulta essere l’insediamento storico, urbanistico e commerciale più importante nella zona di confine tra Etruria e Liguria. È proprio la distruzione della Splendida Civitas Lunae, il suo progressivo spopolamento e l’insabbiamento del porto commerciale che, intorno all’anno Mille, hanno dato origine al primo insediamento del Burgo Sarzane. Da vedere qui le rovine dell’antica Luni, il Museo archeologico nazionale e la zona archeologica, che favorita dalla posizione territoriale, è attraversata dalle storiche Via Francigena e Via del Sale, oggi  al centro delle grandi arterie stradali che collegano Liguria, Toscana ed Emilia Romagna, Sarzana negli anni  ha continuato a crescere e a svilupparsi mantenendo intatto il rispetto della sua storia, ricca di avvenimenti e personaggi importanti, come Tommaso Parentucelli che, divenuto pontefice nel 1447 con il nome di Niccolò V diede un contributo fondamentale allo sviluppo dell’Umanesimo. 

Visitare Sarzana significa innanzitutto percorrere l’itinerario urbano della Via Francigena che da Porta Parma giunge a Porta Romana.

Non mancano nel centro città palazzi storici e di particolare interesse artistico.  Fuori le mura, sul colle che domina la città, si trova la Fortezza di Sarzanello, con la sua regolarissima struttura edificata a partire dal 1493.

Cucina e gastronomia della zona

Parlando di cucina e gastronomia locale ovviamente in zona si ricalca, con minime varianti, la cucina ligure e lunigianese, si fa infatti ampio uso di Basilico Genovese, particolarmente indicato e utilizzato nel pesto per condire una delle specialità più tipiche della zona: i testaroli, una sorta di crepe a base di farina cotta nel testo (particolare tegame tipico) originariamente dentro la brace, oggi per lo più vengono cotte nel forno. 

Oltre ai testaroli vanno per la maggiore anche altri prodotti da forno come farinata e focacce. Non mancano altre specialità come i tagiarin, le lasagne, gli gnocchi di patate, il minestrone, lo stoccafisso accomodato, il già citato pesto, le verdure ripiene, la scarpazza (torta di verdura), gli sgabei (pasta lievitata fritta e salata), la torta di riso salata chiamata torta scema. Tra i salumi tipici menzione speciale per la mortadella nostrale, un particolare tipo di salame morbido della zona.

La zona di Sarzana è anche una discreta zona di produzione vinicola, soprattutto per quanto riguarda i vini bianchi, come per esempio il famoso Vermentino delle colline di Luni, sono infatti presenti in zona diverse aziende vinicole di qualità.

Le aziende di Basilico Genovese DOP della zona:

Basilico Ligure Azienda Agricola Nicolini Marco

Lu.Ne Verdi Az. agr. Biologica

L’aromatica

Il Ciliegio azienda agricola: Tel: 3939020266 – azagricolailciliegio@gmail.com

Due B società semplice agricola

Potrebbero interessarti anche

Il campione mondiale under 19 di Wing Foil è ligure

Su tutte le più famose spiagge del mondo, ormai, si vedono sempre più sportivi che praticano il Wing Foil Ma cos’è nello specifico questa disciplina? Non potevamo perdere l’occasione per farcelo spiegare direttamente da chi, solo qualche mese fa, ne è diventato campione del mondo under19. A maggior ragione se nelle vene del campione di

Leggi tutto

La Rai per il Basilico Genovese DOP

Officina Italia, alla scoperta della coltivazione e della raccolta del Basilico e l’incontro con lo Chef Gianni Bruzzone per la ricetta del pesto Sabato 21 gennaio alle ore 11, appuntamento con “Officina Italia” sul TGr ha visto protagonista il Basilico Genovese DOP!   Il programma è un appuntamento con l’economia delle regioni: un viaggio alla

Leggi tutto

Iscriviti alla nostra newsletter​

Ricevi ricette, guide utili e aggiornamenti su eventi e news.

linea grafica