RACCOLTA E CONFEZIONAMENTO DEL BASILICO GENOVESE D.O.P.


BASILICO FRESCO:

Le piantine di basilico vengono raccolte quando hanno da quattro a otto foglie, estirpandole dal terreno una per una.

La raccolta è esclusivamente manuale e avviene effettuata su apposite assi di legno sospese, dove l’operatore si adagia per raggiungere il terreno senza calpestarlo.

Le piante, complete di radici, vengono subito confezionate con carta per alimenti marchiata con i loghi ufficiali.
A contatto con le radici, per mantenere le piantine fresche e profumate, viene mantenuta una porzione di terreno, aggiungendo talvolta materiale inerte.

Sul mercato potete trovare due tipologie di confezioni: il mazzo piccolo o "mazzetto" (da 3 a 10 piante) e il mazzo grande o "bouquet" (da 30 a 100 piante).

fase di raccolta del basilico
fase di raccolta del basilico
fase di raccolta del basilico
fase di raccolta del basilico

BASILICO DA TRASFORMAZIONE:

Per l’industria o la trasformazione artigianale vengono spuntate, a mano o meccanicamente, raccogliendo le porzioni apicali delle piante, integre e con massimo otto foglie, in modo da garantire tenerezza e profumo.

Il confezionamento avviene a peso, in imballaggi marchiati.
fase di raccolta del basilico
fase di raccolta del basilico

OCCHIO ALL’ETICHETTA!

Tutti gli imballaggi devono essere in materiale conforme alle normative e contrassegnati con la dicitura "BASILICO GENOVESE DOP", il simbolo comunitario della DOP, il logo del prodotto e con i dati aziendali completi. logo del Consorzio di Tutela Basilico Genovese D.O.P. logo del Consorzio di Tutela Basilico Genovese D.O.P.