NORME E ISTITUZIONI


Le normative che disciplinano e tutelano il Basilico Genovese DOP sono emanate in maniere piramidale a partire dall’Unione Europea fino al Consorzio di Tutela, passando attraverso lo Stato Italiano.
Ciascun ente disciplina quanto di propria competenza recependo il contesto normativo di livello superiore.

UNIONE EUROPEA

logo_eu
L'Unione europea detta regole precise per la salvaguardia dei prodotti DOP e IGP, prevedendo l'istituzione di appositi regimi normativi di qualità, a tutela della buona fede dei consumatori e con lo scopo di dotare i produttori di strumenti concreti per identificare e promuovere meglio prodotti aventi caratteristiche specifiche, nonché proteggerli da pratiche sleali.

Il Regolamento (UE) N. 1151/2012 descrive puntualmente il significato degli acronimi DOP e IGP precisando che: con il marchio DOP (Denominazione di Origine Protetta) si identifica un prodotto originario di un luogo, di una regione o di un paese, la cui qualità o le cui caratteristiche sono dovute essenzialmente o esclusivamente ad un particolare ambiente geografico ed ai suoi intrinseci fattori naturali e umani e le cui fasi di produzione si svolgono nella zona geografica delimitata.

STATO ITALIANO

logo repubblica italiana

Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Svolge funzioni di coordinamento e sostegno ai prodotti certificati e di riconoscimento e verifica dei requisiti dei Consorzi di Tutela.

Portale DOP-IGP del MIPAAF

ICQRF

L’ Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari vigila sulle produzioni di qualità e svolge in generale funzioni di prevenzione e repressione delle frodi in commercio dei prodotti agroalimentari e dei mezzi tecnici usati in agricoltura e ne contrasta l'irregolare commercializzazione.

D.M 12 Ottobre 2000 

Stabilisce i criteri di collaborazione tra i Consorzi di Tutela riconosciuti dal Ministero e l’ICQRF (dipartimento ministeriale per la repressione frodi e il controllo della qualità)

REGIONE LIGURIA

logo regione liguria
Sviluppa programmi di sostegno e promozione delle produzioni certificate regionali

CONSORZIO DI TUTELA DEL BASILICO GENOVESE DOP

Ha redatto ed è responsabile del Disciplinare di produzione Basilico Genovese DOP, che stabilisce le regole di origine, coltivazione, confezionamento ed etichettatura del Basilico Genovese DOP. Il Consorzio vigila per la difesa del prodotto certificato dalle frodi e dai messaggi ingannevoli in accordo con l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari

CAMERA DI COMMERCIO DELLA LIGURIA

La Camera di Commercio di Genova e le Camere di Commercio della Riviera Ligure sono l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole e forestali ai controlli per il Basilico Genovese DOP con il coordinamento di Unioncamere Liguria.

Il Piano di Controllo depositato dalle Camere di Commercio liguri presso il Ministero, garantisce l'origine ed allo stesso tempo la qualità del basilico genovese. E' articolato secondo le disposizioni previste dal disciplinare di produzione e prevede una serie di adempimenti che dovranno essere seguiti dagli operatori iscritti alla DOP "Basilico Genovese".

Cersaa:
Il Centro di Sperimentazione e Assistenza Agricola è un’Azienda Speciale della Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura Riviere di Liguria. E’ una struttura di riferimento che si occupa di ricerca e sperimentazione applicate alla coltivazione di specie orticole, tra cui il basilico.


ALTRI ENTI PER LA TUTELA DEI PRODOTTI CERTIFICATI DELLA LIGURIA